To play, press and hold the enter key. To stop, release the enter key.

press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom

LA NOSTRA STORIA

Nato nel 1956, per volontà di alcuni scout del 10° reparto ASCI, come società di atletica leggera, il CSI-ASCI, nel corso degli anni ha progressivamente ospitato tra le proprie attività sezioni dedite alla pallacanestro, al tennis, al ciclocross, al calcio ed, infine, alla pallavolo.

 

Fra le iniziative particolarmente meritorie è senz'altro da citare la realizzazione del Campo "Bovi", il complesso sportivo costruito sui bastioni di Porta San Giorgio, ora in concessione dall'amministrazione comunale. Il mini impianto è dotato di un rettilineo di quattro corsie della lunghezza di circa 80 metri, di un anello di 200 metri, di pedane per il salto in lungo e il salto in alto. Sul terreno dell'ex cinema Diana è stato adattato, grazie alla volontà di atleti-dirigenti-scout, un campo da pallacanestro ed eventualmente da pallavolo, ritrovo della gioventù di Borgo Trento e dintorni. Al centro del complesso, un campo da tennis utile al divertimento sportivo di molti soci.

Ancora, ottenuti in concessione anche i locali di Porta San Giorgio, la società, ormai divenuta Polisportiva, ha provveduto, onerosamente, ad una ristrutturazione dei locali stessi, ormai fatiscenti e degradati, riadattandoli, su consiglio anche dell'illustre Prof. Chiarelli, ad un uso, non solo a sede di polisportiva, ma a centro di servizio per varie attività di volontariato e sociali. Molto sviluppati i rapporti con le vicine scuole i cui alunni hanno magari iniziato l'attività sportivo-agonistica cimentandosi su piste e pedane del Bovi.

 

Nel corso degli anni, la polisportiva ha organizzato Olimpiadi di quartiere, gare ed altre manifestazioni sempre tenendo presenti le finalità statutarie educative e propagandistiche dello "Sport".